Esordio con vittoria per la Videx Grottazzolina

A3M – Videx, il post-vittoria di Ortenzi: “Approccio importante alla gara”

Pubblicato da

Il tecnico grottese commenta il primo successo stagionale

Una Videx solida, compatta e volitiva quella che ha bagnato l’esordio al PalaGrotta. “Fa sempre bene iniziare con una vittoria”, citando le parole della vigilia di Manuele Marchiani, e così è stato per un gruppo che non si è lasciato influenzare da un’assenza pesante come quella di Nielsen ed ha interpretato al meglio una gara che non è mai stata veramente in bilico.

Avevo chiesto ai ragazzi di mostrare grande agonismo, di mettere qualcosa in più e per gran parte del match ci siamo riusciti – ha dichiarato coach Ortenzi nel post gara – in alcuni frangenti abbiamo commesso qualche errore di troppo ma ci può stare. Era la prima di campionato e l’approccio che si è visto, con questa intensità, è stato sicuramente un aspetto di valore”.

Massimiliano Ortenzi

Buona la prima anche per i nuovi “millennials” del gruppo, dal più esperto Focosi (molto presente a muro con 4 blocchi vincenti a condire 11 segnature complessive) agli esordienti Giacomini e Lanciani. Non era affatto semplice, soprattutto per il primo, raccogliere la sfida dell’esordio eppure il contributo offerto alla causa grottese è stato di tutto rispetto: “Dover rinunciare a Nielsen inizialmente ci ha un po’ destabilizzati, è un giocatore molto importante per noi insieme al quale avevamo preparato determinate situazioni di gioco nell’ultimo periodo – ha aggiunto il timoniere di Grottazzolina – ma siamo stati bravi a trovare delle valide alternative. Sono convinto che Giacomini e Lanciani faranno molto bene perché sono ragazzi in gamba, che lavorano sodo in palestra. Per questo mi sento di escludere l’alibi della gioventù e mi aspetto che portino sul campo tutto ciò che di buono fanno vedere in settimana”.

Al fischio finale gli applausi di chi, sugli spalti, mancava da tanto, troppo tempo: “E’ stato molto bello tornare a vedere i nostri tifosi. Speriamo possano essere sempre più numeroso perché giocare con la loro spinta, soprattutto nei momenti più delicati ed incerti, è tutta un’altra cosa”.

Fonte e foto: Michael Gambini – Ufficio Stampa M&G Scuola Pallavolo