SERIE A2/M: Coach Ortenzi: “Tornare a vincere subito era importante”

Posted by

Yuasa Battery, i 37 di Breuning sono record in Serie A

Un’atmosfera incredibile, una festa vera, non solo e tanto per il rosso del calendario che segnava 26 dicembre. Al Palas di Grottazzolina ieri è stato un tripudio, l’ennesimo, di gioie e sorrisi, propiziati dalla grande prestazione dei ragazzi in campo e da quella, non meno spettacolare, del pubblico letteralmente assiepato sugli spalti, sempre pronto ad applaudire, saltare e ballare.

Una gara che ha vissuto anche tanti momenti complicati, ed in cui spicca la prestazione incredibile dell’opposto danese Rasmus Breuning Nielsen, i cui 37 punti in una gara di soli tre set rappresentano un record assoluto in Serie A dall’introduzione del Rally Point System: “Ras veniva da un paio di settimane difficili – rivela coach Ortenzi – in cui era stato poco bene. In settimana si è allenato bene, sta trovando feeling con Luso (Lusetti ndr), ma devo dire che tutti ci hanno messo del loro: Fedrizzi con la battuta, Cattaneo a muro, i centrali che hanno toccato tanto nei momenti importanti di una partita difficile, bravi tutti. Abbiamo fatto due difese dopo il venti veramente di sostanza che ci hanno poi permesso di prenderci il break decisivo.”

Era accaduto una sola volta, nel 2016, che un giocatore riuscisse a mettere a terra 37 palloni in una gara di soli tre set e, curiosità statistica, fu sempre contro Aversa. Allora fu il gigante camerunense Kody, oggi è toccato al “vichingo dal volto di bambino”, per giunta di fronte alla propria famiglia al gran completo: fidanzata, padre, madre e sorella, accorsi dalla Danimarca per trascorrere insieme le festività natalizie. Come nelle favole.

E così, mentre al triplice fischio i campioni della Yuasa Battery si concedono alla passerella del pubblico lasciando il campo all’orda festante dei tantissimi bambini presenti, dagli altri campi giunge notizia della sconfitta interna di Prata (al quinto set con Porto Viro), che ratifica un confortante +7 rispetto ai più immediati inseguitori, ovvero gli stessi friulani, riacciuffati ieri da Cuneo (corsaro a Cantù).

Agli avversari di turno, la Virtus Aversa, va però riconosciuto l’onore delle armi, per un risultato forse troppo severo rispetto a quanto visto in campo, con Argenta e compagni capaci di impensierire assai la formazione di casa, come del resto ampiamente previsto e prevedibile alla vigilia: “Per noi è stato faticoso, passare il Natale in palestra non è semplice – ci racconta a caldo coach Ortenzi – ma giocare e vincere di fronte ad una cornice di pubblico del genere ripaga. Ai ragazzi avevo chiesto di tornare a giocare con serenità, e con una caratteristica che da noi non deve mai mancare, ossia la voglia di vincere, l’agonismo. E’ stata una gara difficile, Aversa ha toccato tanto a muro e abbassando parecchio le nostre percentuali di attacco. Eppure abbiamo trovato soluzioni, sapevamo che poteva succedere. Sono contento che i ragazzi hanno tirato fuori sempre qualcosina in più nei momenti decisivi.”

Circostanza davvero rasserenante questa, forse l’unica che un pizzico era mancata nell’ultima trasferta di Santa Croce. Segno di una Yuasa Battery che sa soffrire, ma anche trovare rimedi, soprattutto tra le mura amiche: “Non ci dimentichiamo che noi abbiamo in campo tanti ragazzi che hanno grande esperienza e di queste partite qua ne hanno giocate tante. Bisogna fare tesoro di ciò che succede nelle varie partite, dobbiamo essere bravi a non farci pesare i momenti no, ma anche ragionarci su perché comunque far finta di niente non va bene. Siamo contenti, perché tornare a vincere era importante e farlo con questo spirito lo è ancora di più.”